Cosa e’ un magnetotermico differenziale

kit-bticino magnetotermico differenzialeDa quando ho cominciato a vendere materiale elettrico online una delle  domande più frequenti che mi pongono è “Gianluca ma cosa vuol dire quella sigla 0,03 che vedo scritta sul mio interruttore?”.

La risposta è legata alla varie caratteristiche di cui sono composti sia il magnetotermico che il differenziale.

In commercio infatti puoi trovare sia “differenziali puri “ che magnetotermici.

La principale differenza è questa:

– l’interruttore differenziale misura la corrente in entrata ed in uscita e, a seconda della sua sensibilità, scatta se nota anomalie

– l’interruttore magnetotermico scatta per sovraccarico (termico) o per corto circuito (magnetico).

In pratica il differenziale, come dice la parola stessa, misura la differenza di corrente che c’è in entrata ed in uscita, e di conseguenza le eventuali dispersioni di corrente. E’ per questa ragione che, ad esempio, nelle vasche ad idromassaggio dovrai utilizzare dei differenziali molto sensibili, cioe’ quelli da 0,01 A.

Il magnetotermico garantisce invece la protezione dell’impianto elettrico dai sovraccarichi e dai corto circuito. Esistono magnetotermici di vari Amperaggi e per questo vanno scelti sempre e comunque in base all’uso che ne viene fatto. Spesso noto che le persone comprano un magnetotermico da 20 A per proteggere un apparecchio che magari assorbe solo 2 KW (e per il quale basterebbe anche uno da 10): comprarlo sovradimensionato limita il suo effetto!
Scegliere bene il magnetotermico  è fondamentale per proteggere il tuo impianto, ed io consiglio sempre di chiedere un consiglio ad un installatore o ad un negoziante.

C’è poi un terzo articolo, che nasce dall’integrazione di questi due apparecchi: il magnetotermico differenziale. Esso scatta sia per dispersione, sia per sovraccarico, sia per corto circuito.

Nei magnetotermici differenziali vi sono due caratteristiche da considerare e cioe’ il potere di interruzione, che di solito e’ 4,5 ka, e la corrente differenziale, che di solito e’ 30 mA o 0,03 ( per civili abitazioni). C’e’ infine da dire che acquistare un magnetotermico con un potere di interruzione maggiore non comporta alcun rischio (se non una spesa maggiore) mentre comprare un differenziale con una corrente differenziale troppo alta (0,5 o 0,3) potrebbe non far scattare tempestivamente l’apparecchio.

Risposte ad altri dubbi o curiosita’ puoi trovarle anche alla pagina www.materialeelettricoonline.com

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>